Eleonora Buratto

Eleonora
Buratto

CARMEN, Lyric Opera of Chicago, 2017

Chicago City Wire

Micaela, another noticeable character of the opera, touched everyone’s feelings not only because of this character’s clean and sincere soul, but also by the clean and sincere vocal of Eleonora Buratto, the world known Italian soprano. This great singer has rapidly risen to the top rank internationally for her successful portrayal of Bizet’s Micaëla. Her aria in Act III was followed by grateful applause.

Natalia Dagenhart

 

Chicago Tribune

Buratto's Micaela was no simpering ingenue of tradition but a spunky, good-hearted young woman determined to rescue the man she loves from his life as an outlaw in Carmen's gang of smugglers. Her singing of the third-act aria was everything this famous piece should be, vibrant and richly shaded.

John von Rhein

 

Chicago Sun-Times

There also is an extraordinarily beautiful performance by Eleonora Buratto (the Italian soprano who left such a fine impression when she performed in "Falstaff” with the CSO last year). As Micaela, the woman of great inner strength who adores Don José (and cares for his mother, who has chosen her as her son’s bride-to-be), Buratto sings with great heart, and the Aria in which she stands alone and addresses her fears is nothing less than show-stopping.

Hedy Weiss

 

Paul Kuritz, Theater and Film

Ms. Buratto is so lovely, and sings so sweetly, that the audience is forced to wonder how Don Josè could be so stupid as to throw away a future with his charming girl-next-door.

Paul Kuritz

 

LE NOZZE DI FIGARO, De Nationale Opera, Amsterdam 2016

Place de l'Opera

Zijn gravin, Eleonora Buratto, heeft het edelste geluid op het toneel. Vol, klankrijk, met Netrebko-achtige tinten. Ze hunkert ernaar weer gezien te worden door haar man en dat komt prachtig uit de verf in haar vertolking.

Jordi Kooiman

 

Operaclick

Accanto a lui Eleonora Buratto dà voce, bellissima, a una Contessa sensualissima e ammaliante.

Edoardo Saccenti

 

Bachtrack

So was his Countess, Eleonora Buratto, whose buttery soprano was an undiluted joy. Her aggrieved melancholy in the Countess’ lament for happier times, “Dove sono”, went straight to the heart.

Jenny Camilleri

 

LA BOHÈME, Gran Teatre del Liceu Barcelona 2016

In Fermen Land

Eleonora Buratto té una veu important (ja ho sabíem d’aquella Sonammbula amb Ciofi i Flórez) i això ja és, a banda de noticia, un goig per l’oïda. És una veu gran, ample, d’aguts segurs, ben projectats i mai feridors, que els controla i domina fins a deixar-los flotant, tous i amb efectes tan tonificants com dolsificants, quelcom ideal per aquest rol de Mimi. Però a banda del timbre lluminós, bonic i de colors càlids, amb un centre que s’eixampla i un greu que es consolida sense perdre color i bellesa, ja que la veu és ben homogènia, el més rellevant és la seva interpretació, el us que fa d’aquesta veu per dotar al seu cant d’aquella italianitat tan desitjada en repertoris tan estimats i on l’emotivitat del seu generós fraseig pren tota la dimensió expressiva i fa que el seu cant transmeti, que és precisament allò que sempre busquem i massa sovint enyorem. En el rol de Mimi són cabdals els detalls, la intenció en les petites frases, en els sentiments senzills d’un personatge senzill, quotidià i quasi anònim si no fos per la genialitat pucciniana. Buratto canta les seves tres gran àries de manera ben diferenciada i dotant al personatge d’una evolució dramàtica perceptible precisament per aquesta cura en el fraseig, si en el deliciós “si mi chiamano Mimi” del primer acte tot en ella és esperança i lluminositat amb un gradual i colpidor “ma quando vien lo sgelo, en el desolat “Donde lieta uscì” del tercer acte ja es mostra vençuda i emotiva, deixant per el final una memorable i sentida versió del “Sono andati? Fingevo di dormire” com feia temps que no escoltava en un escenari, una autèntica marxa fúnebre d’efectes devastadors. Bravissima.

Joaquim

 

Platea Magazine

Con la Mimí de la joven soprano italiana, Eleonora Buratto, vino la primera y grata sorpresa de este equipo, pues su rol-debut es de los que se recordarán en Barcelona. Alumna de Pavarotti, Buratto, sorprende por la calidad y material noble de su instrumento, bien esmaltado, de canto fácil, tesitura amplia, color terso y sobretodo un ángel vocal que convierten su Mimí en un goce de los sentidos por la adecuación técnica y una naturalidad en su canto que desarman y enamoran a la par al oyente. Su aria di sortita fue un dechado de sensibilidad y naturalidad, de canto fácil, emisión generosa y un color y forma de cantar con ese encanto de las voces mediterráneas que conectan enseguida con el público. Buratto siguió con un duo maravilloso, desplegando un canto donde la italianità y la limpieza del sonido, articulación y dicción claras y fáciles, hicieron de su despedida un precioso recuerdo al lado de un Pirgu seguro y cómplice. Las reminiscencias de una Mimí inolvidable y referencial como es la de su compatriota, Mirilla Freni, se puede antojar exagerado, pero no es menos cierto que la Mimí de Eleonora comparte con aquella la tersura y la adecuación de un instrumento que parece hecho para este rol. Conmovedora en Donde lieta usci, delicada y dulce con el toque decadente ideal en el Sono andati? final, no puede uno más que reconocer que el debut de esta joven soprano será de los que se recordarán en el Liceu, si su carrera sigue con ese grado de madurez, promete muchas alegrías al aficionado de la lírica, ha sido sin duda uno de los descubrimientos vocales de la temporada 2015/16.

Jordi Maddaleno

 

FALSTAFF, Chicago Symphony Orchestra

Financial Times

In the crucial role of Alice Ford, who masterminds all the intrigues and shenanigans, creamy-voiced Eleonora Buratto was outstanding

George Loomis

 

The New York Times

Sung by the soprano Eleonora Buratto, her tone lucid and suave from crystalline top to chocolaty bottom, Alice Ford — the voice of stylish wisdom — was as much the star as Falstaff.

Zachary Woolfe

 

Chicago Tribune

Dressed in a regal black gown with plunging neckline and voluminous train, Buratto made a very empowered Alice, her lustrous voice soaring easily through her description of the fairies in the forest.

John von Rhein

 

DON PASQUALE, The Metropolitan Opera, New York 2016

Observer

Opposite him was debuting soprano Eleonora Buratto as Ernesto’s lively fiancée Norina. Had anyone but Mr. Camarena sung Ernesto, she could easily have stolen the show with her full, ripe lyric soprano and split-second comic timing.

James Jorden

 

Huffington Post

Buratto, an Italian soprano from Mantua, is a real discovery. She has a rich and appealing voice that soars easily into the upper register. She is bright and bouncy as the flirtatious Norina. Her opening aria, "Quel guardo il cavaliere," is brilliant and bubbly, and her final act duet with Camarena, "Tornami a dir che m'ami," is lovingly tender.

Wilborn Hampton

 

Latin Post

Debutante Elenora Buratto is the true heroine of the piece in the role of Norina. The Italian soprano has grown into the role, delivering a nuanced performance filled with magnificent coloratura throughout. Her Norina is a flirt from the beginning, showing off her legs to the audience and dancing about in her opening cabaletta "So anch'io la virtu magica." Her singing in the preceding aria is delicately executed, her softer singing giving off a sensual quality.

David Salazar

 

The Epoch Times

Perhaps the most significant aspect is that it marks the Met debut of rising star Eleonora Buratto......Eleonora Buratto had the showiest role, and she captured all the facets of the part, starting with the appearance on her terrace, where she sang the aria “Quel guardo il cavaliere … So anch’io la virtù magica” about her power over men, while putting on her stockings. She later gets to act like a shy convent student, when she wears a veil and is introduced to Don Pasquale. Then, after she enters into a sham marriage with the old man, she becomes a shrew. Buratto sang with style, and her voice filled the vast theater. The fact that the soprano is good-looking is another asset.

Barry Bassis

 

New York Times

The bright-voiced, vivacious Italian soprano Eleonora Buratto had a rousingly received Met debut as Norina, the young widow who loves Ernesto.

Anthony Tommasini

 

CARMEN, Teatro San Carlo, Napoli 2015

Il Mattino

Anche quella della dolce Micaela, una Eleonora Buratto in stato di grazia che ha strappato applausi e grida di «brava» a scena aperta dopo l’aria del terzo atto.

Donatella Longobardi

 

Operaclick

Eleonora Buratto è stata senza dubbio la più apprezzata dal pubblico, e con ragione. Il timbro scuro, pieno è gestito molto bene e le permette di rendere una Micaela diversa dal solito: esitante ma consapevole di quello che fa e non ingenua.

Bruno Tredicine

 

La quinta giusta

Viceversa, balzata al primo posto nella classifica delle voci è stata Eleonora Buratto, soprano dalla voce d'incanto per Micaëla: intensa, intonatissima, tecnicamente salda, legato spettacolare, acuti dolci e centrati.

Paola De Simone

 

La Repubblica

Nel cast vocale l'autentica trionfatrice della serata è stata Eleonora Buratto, una Micaela da incorniciare. Fraseggio di musicalità rapinosa, timbro vellutato, tecnica impeccabile, accenti accorati sostenuti sempre dal canto e mai dai sospiri: una prova magistrale.

Sandro Compagnone

 

L'ELISIR D'AMORE, Teatro alla Scala, Milano 2015

Bachtrack

Buratto – in a rouge-tinted bodice over a long, cream skirt with thigh-high vents – broadcast a lyric soprano timber with sonorous low notes, secure agility and acute accents on ornamentation. “Prendi per me sei libero” carried a nice legato.

Courtney Smith

 

GB Opera

Ottima anche la performance di Eleonora Buratto (Adina) i cui acuti precisi e puntuali ben evidenziano il carattere del personaggio, dapprima frivolo e capriccioso e successivamente serio e sincero. Dotata di buona agilità vocale e doti interpretative, la sua voce risulta sempre protagonista, sia in mezzo al coro (“Benedette queste carte!”) sia nelle parti che sottolineano il triangolo amoroso in cui si trova coinvolta.

Francesco Castelli

 

Corriere della sera

...; sebbene la compagnia di canto sia graziosa, svettando in essa il soprano Eleonora Buratto rifulsa per le purissime luci di canto colle quali ha interpretato Prendi, per me sei libero. Pur esso un debutto alla Scala, quello del soprano mantovano; e felice.

Paolo Isotta

 

FALSTAFF, Ravenna Festival 2015

audioclasica.com

"Admirable fue también la actuación Eleonora Buratto (Alice) – la otra gran triunfadora de la velada – que destacó por su capacidad como actriz, la amplia tesitura de su bella voz y la perfecta dicción dada a la letra".

Gian Giacomo Stiffoni

 

Corriere della Sera

"Muti è da sempre un «toscaniniano». Ora lo è ancor di più. Produce infatti un Falstaff che è il trionfo di una verticalità diabolicamente esatta (ma ciò non significa che l’orizzontalità dei fraseggi non sia accurata), frutto di un lavoro tanto rigoroso che può sembrare freddo o perlomeno poco incline all’abbandono. Bravi ad assecondarlo i giovani professori d’orchestra della Cherubini. Bravi e giovani anche i membri di un cast che ha in Eleonora Buratto una punta di diamante ormai pronta per i palcoscenici più prestigiosi, tanto è il dominio tecnico e stilistico della propria vocalità".

Enrico Girardi

 

MAHLER, SINFONIA N. 2, Maggio Musicale Fiorentino 2015

StampToscana

“È il Giudizio Universale tratteggiato a grandi tinte nel quinto movimento con frammenti del Dies Irae e l’emozionante fortissimo di tutti i timpani dal quale emerge il suono delle campane, che ha in sé la sacralità della devozione religiosa. Una perorazione che si completa con l’entrata in scena della voce umana, dapprima con le belle voci delle due soliste per poi sfociare nel misticismo del coro a cappella che celebra la Resurrezione come riscatto delle sofferenze umane. Calda , appassionata, la prova del Coro del Maggio Musicale che ha sfoderato una delle sue migliori interpretazioni. Bravi tutti, calorosi e prolungati gli applausi da parte del pubblico”.

Rossella Rossi

 

Operaclick

“Le due soliste di canto, Eleonora Buratto e Sonia Ganassi, offrono un tocco di raffinatezza ulteriore, perfettamente adeguandosi alle intenzioni di Gatti: il loro contributo è stato esemplare”.

Fabio Bardelli

 

LE NOZZE DI FIGARO, Teatro dell' Opera, Roma 2015

Corriere della Sera

"Quest'allestimento è uno dei miracoli della storia del teatro novecentesco e il trascorrer del tempo mette solo in rilievo la siderale distanza che lo separa da quasi tutte le produzioni operistiche, specie quelle ultime che i giornali si affannano a lodare. Non c'è particolare che non sia perfetto; la psicologia, la commedia, l'intrigo, la riflessione sulla natura umana, infine la metafisica: c'è tutto. Dico la metafisica e naturalmente si parla della ‪‎Contessa‬, questo personaggio modellato da ‪‎Mozart‬ con una delicatezza unica il quale, sempre esprimendosi nelle forme del Bello Ideale, attraverso la conoscenza del dolore giunge al perdono: che da lei pronunciato assume un valore religioso. Qui va cercato il segreto della religione di Mozart, non nei simboli massonici del ‪Flauto Magico‬ come fanno i cretini. E la Contessa di questo allestimento è superiore a quelle che hanno cantato le varie volte alla ‪Scala‬: Eleonora Buratto, la giovane mantovana capace di passare dal ‪Don Pasquale‬ alla ‪‎Turandot‬ quale ‪Liù‬ per giungere a tale ruolo protagonistico, possiede una bellezza di timbro, un'eleganza di fraseggio, una profondità musicale, una intelligenza nella pronuncia dei Recitativi, che ne fanno una Contessa degna delle grandi interpreti storiche del ruolo".

Paolo Isotta

 

Opera Click

Eleonora Buratto è una Contessa di Almaviva dalla voce corposa e ben governata, fornita di tecnica sopraffina e bel timbro. Fioriture, messe di voce, acuti, smorzature, gestione della dinamica: c'è tutto. Ottima nella cavatina «Porgi amor qualche ristoro», ancor migliore nel recitativo+aria «E Susanna non vien! […] Dove sono i bei momenti», al cui termine viene subissata di applausi, e nella sublime dolcezza dell'ultima scena, dove all'accompagnamento di “livello globale” fa il paio un altrettanto globale «Più docile io sono e dico di sì». Facile immaginare come, con due simili interpreti, la “canzonetta sull'aria” sia uno dei momenti migliori della serata: ottimo amalgama vocale e fraseggio accattivante nei continui passaggi del testimone.

Michelangelo Pecoraro

 

Tribuna Italia

“era autorevole e nobile Eleonora Buratto come Contessa d’Almaviva, per di più dotata di timbro meraviglioso. A lei infatti il pubblico ha tributato gli applausi più calorosi”.

Marco Rossi

 

L'Ape Musicale

"La ‪Contessa‬ d’Almaviva è la bravissima Eleonora Buratto, che ho già avuto il piacere di lodare altrove. Il suo caldo timbro, spumoso, avvolgente, ci conquide: la tecnica, poi, è eccellente. Riesce in fantastiche messe di voce, in smorzando controllati e urbani, mercé il suo perfetto controllo. Il problema di una parte dai toni essenzialmente elegiaci («Porgi, amor, qualche ristoro», II) e tragici (la virtuosistica «Dove sono i bei momenti», III) è risolto con un misto di candore, risolutezza e sottile ironia – quella della schietta infatuazione per Cherubino".

Stefano Ceccarelli

 

TURANDOT, Teatro San Carlo, Napoli 2015

Corriere del Mezzogiorno

"Eleonora Buratto, attesa la mancanza del finale, è piuttosto la protagonista femminile; ella incarna Liù insieme con la bravissima Carmen Giannattasio; e lo fa con una tale arte e musicale e drammatica da convincerci che di questo ruolo ella possa essere un'interprete di scala planetaria: ispirandosi alla lezione che ci hanno lasciato le somme Magda Olivero e Renata Tebaldi"

Paolo Isotta

 

L'Opera

"Sul fronte musicale, va detto subito che la migliore in campo è stata Eleonora Buratto nei panni di Liù al di là della tradizione per cui "Liù vince sempre", ha interpretato il suo ruolo un maniera impeccabile e struggente, inanellando una serie di prodezze vocali da applausi"

Sandro Compagnone

 

Il Giornale della Musica

"L'eccellente interpretazione di Eleonora Buratto Liú, quasi pone in ombra la protagonista, un puro soprano lirico - un timbro da brividi".

Salvatore Morra

 

BachTrack

“However, Puccini seems much more inspired by Liù than he is by the two main characters. Her two arias are among top sopranos' highlights. The role was beautifully sung by Eleonora Buratto, who became popular with the audience as she showed an exquisite voice, which combined with her beautiful facial and bodily expression. She won the largest ovation of the night”.

Lorenzo Fiorito

 

Kulturkompasset

“Eleonora Buratto as Liu was the best of the soloists. She also got tremendous applause. Otherwise premiere audience seemed less enthusiastic”.

Synnøve Nord

 

IL VIAGGIO A REIMS, De Nederlandse Opera, Amsterdam 2015

La Stampa

“Dovendo indicare il podio, ci metteremmo Eleonora Buratto, Corinna, per l'immacolata linea di canto da Freni giovane. Sull’ ultimo accordo l’intera sala è scatta in piedi, per una delle più clamorose ovazioni che abbia visto da troppo tempo. Per Rossini e per i suoi degni servitori. Sarà banale, sarà retorico ma chissene frega, diciamolo: ci sono ancora delle occasioni in cui si è grati e orgogliosi di essere italiani.”

Alberto Mattioli

 

Opera Click

“Eccezionale la Corinna di Eleonora Buratto la cui aria iniziale Arpa gentil non ha fatto piangere i sassi ma ha fatto danzare le Tre Grazie del Canova. Bellissima la voce la su tutta la gamma e splendido l’accento col quale ha reso le strofe di improvvisazione All’ombra amena del Giglio d’or.”

Edoardo Saccenti

 

MTG Lirica

“Sul versante vocale sugli allori la Corinna di Eleonora Buratto, voce pulitissima, mai una sbavatura, accentuazione vocale impareggiabile, fraseggio (e la sua improvvisazione nel finale è quanto di più impegnativo si possa immaginare) esemplare, la Buratto si rivela una cantante formidabile che ci darà sicuramente molte soddisfazioni”

Maria Teresa Giovagnoli

 

Codalario.com

“Seguramente frente a todo pronóstico, la solista más encantadora de la noche fue la joven soprano Eleonora Buratto con la parte de Corinna. De algún modo se robó la función con sus dos intervenciones solistas, sobre todo con la maravillosa lección de canto spianato que Rossini le brinda en el “All'ombra amena”, acompañada por el arpa”.

Por Alejandro Martínez

 

Cotidianul.ro

“Excepţională Corinna, interpretată de Eleonora Buratto, cu vocea sa minunată, punând accent pe strofele de improvizaţie”.

Magdalena Popa Buluc

 

Opera Magazine Nl

“Eleonora Buratto klinkt puur en edel in haar zang als Corinna en krijgt tegen het einde van de avond alle kans om haar vocale kwaliteiten te laten horen. Rossini wilde met Il viaggio een ‘showcase’ maken voor grote zangers en dat idee werkt na al die jaren nog steeds.”

Francois van den Anker

 

Opera News

"Eleonora Buratto was convincing as a warm, charming Corinna"

Paul Korenhoe

 

CARMEN, Teatro dell'Opera, Roma 2014

Il Giornale della Musica

“Eleonora Buratto interpreta in modo vocalmente perfetto una Micaela candida e ingenua, ma senza leziosaggini”.

Mauro Mariani

 

GBOPERA Magazine

"Incantevole la Micaela tratteggiata da Eleonora Buratto per bellezza e varietà timbrica ed intenzioni interpretative, realizzate sempre con buon gusto e misura ed in modo che l’espressività scaturisca dall’interno o insieme alla musica, senza posticce o incongrue sovrapposizioni. Dalla sua interpretazione emerge l’immagine di una ragazza timida ma determinata, immersa dagli eventi in un contesto a lei evidentemente estraneo sul quale si eleva con forza e dignità a dispetto dell’apparente fragilità”.

Francesco Giudice Andrea

 

LE NOZZE DI FIGARO, Teatro Real, Madrid 2014

Fanaticos de Opera

“A Susanna de Elenora Buratto foi excelente. Voz límpida, jovial e com agudos fáceis e seguros, teve uma prestação vocal de elevadíssimo nível. Cenicamente esteve perfeita, encarnando a personagem com toda a jovialidade e comicidade que se espera. A melhor da noite”.

Camo Opera

 

SIMON BOCCANEGRA, Teatro Bunka Kaikan, Tokyo 2014

Il Sole 24 Ore

“Ha 34 anni e 32 ne ha Eleonora Buratto, gemme della nuova squadra-voci mutiana. Lei debutta a Tokyo, in sostituzione di Barbara Frittoli, e prende autorevolezza in corso d'opera, con acuti luminosi e freschi.”

Carla Moreni

 

I hear Voices

"Eleonora Buratto proved to be more than a good surprise. It has been a while since I’ve heard such morbidezza in a soprano voice as in Ms. Buratto’s: although the voice is light in grain, it is always rich in overtones, spinning naturally to acquire slancio in exposed high notes and taking naturally to soaring mezza voce when necessary. Sometimes she made me think of the young Mirella Freni – and it was not a surprise that she was a student in the great Italian soprano’s academy in Modena for a while. A touching, sensitive and beautiful performance".

 
 

I DUE FIGARO, Teatro Real, Madrid 2012

RTVE

“sobre todo Eleonora Buratto, en su papel de Susanna”.

Jon Bandres

 

La Razon.es

“Buratto, la gran triunfadora. Pues bien, el «regisseur» ovetense volvió a crear una atmósfera mágica, a ratos costumbrista, siempre hermosa en sus encuadres, sin necesidad de alterar época de la acción o circunstancias de los personajes, en la que los cantantes-actores se mueven con comodidad y frescura. En el fallido estreno de 1826, la cantante que debía personificar a «Susanna», Letizia Cortesi, se rebeló contra lo que entendía era desdén de su personaje en favor de la contralto que encarnaba a «Cherubino». Pero en el Real, la «Susanna» de ahora, Eleonora Buratto, demostró cuán pobre era el juicio de su predecesora, porque se merendó a todo el reparto y fue la gran triunfadora canora de la noche”

J. L. Pérez De Arteaga

 

FALSTAFF, Salzburg Festspiele 2013

New York Times

“The lyric soprano Eleonora Buratto brought a sweet, clear voice and youthful spark to Nannetta”

Anthony Tommasini

 

Grammphone Magazine

“Javier Camarena and Eleonora Buratto are charming as Nannetta and Fenton, even if they have to put up with an elderly couple (their future selves?) mouthing along to their duet”.

Hugo Shirley

 

DON PASQUALE, Teatro Real, Madrid 2013

Abc.es Cultura

“Eleonora Buratto haciendo la cavatina de Norina con tanta llaneza que obligaba a conformarse con las notas bien colocadas”. “También alcanza altura en la representación que se estrenó anoche un reparto que tiene la virtud general de sonar con volumen y que, se va calentando, que suelta amarras, para mayor gloria de Buratto, exacta en la línea y hasta sutil en la frase «Va a letto, bel nonno”.

Alberto Gonzàlez Lapuente

 

Il Messaggero

“Norina (Eleonora Buratto) dà luce con la voce e l’aspetto al personaggio della “prima amorosa” cui Donizetti regala occasioni meravigliose, ad esempio di cantare “so anch’io la virtù magica d’un guardo a tempo e loco, so anch’io come si bruciano i cori a lento foco...”. È, questa figura di donna, un sorriso vivente, il brio della femminilità consapevole, e Muti così la intende, la scolpisce, la realizza”.

Rita Sala

 

El Paìs Cultura

“así como el retrato sicológico que el director de escena hace de personajes como el de Norina, al que Eleonora Buratto responde con inteligencia y habilidad. Lo cierto es que, con todas las complicidades que se quiera, Muti imprime un sello musical que va más allá de las apariencias, en un estilo parangonable a lo que un director de cine como Billy Wilder logra con sus filmes aparentemente cómicos, que se convierten en análisis de la condición humana. Eso sí, se mantiene siempre en Muti la vitalidad, la sonrisa”.

Juan Ángel Vela Del Campo

 

DON PASQUALE, Teatro dell'Opera, Roma 2013

Corriere della Sera

"Eleonora Buratto è la delizia stessa nel suo impersonare Norina, la delizia virtuosistica e della recitazione, e io credo di poterle facilmente profetizzare che diverrà la Adriana Asti del teatro lirico".

Paolo Isotta

 

Il Giornale della Musica

“Eleonora Buratto è una Norina dal caratterino ben delineato e molto ben cantata”.

Mauro Mariani

 

LA BOHEME, Teatro San Carlo, Napoli 2012

OperaClick

“Di grande rilievo la Musetta di Eleonora Buratto una volta tanto non soubrette ma interprete completa, dalla voce di bel colore, rotonda e corposa. Sempre a suo agio lungo tutta la tessitura della parte, la cantante è riuscita a valorizzare i momenti più lirici del personaggio che ne ha ricevuto un maggiore rilievo espressivo e drammatico”.

Bruno Tredicine

 

I DUE FIGARO, Salzburg Festspiele 2011

New York Times

“Eleonora Buratto, a singer destined for important things, was captivating as Susanna,”

George Loomis

 

credits

 

 

Ritratti di Maria Laura Martorana

www.marialauramartorana.com

 

 

Web Design & Programming Francesco Smelzo 

www.weext.com